DOREMI

DOREMI: (coordinatore:  CNR Italiano)

Soluzioni contro le consequenzialità dei problemi inerenti sedentarietà obbligata, malnutrizione e decadimento  degli anziani, intese a stimolare l'anziano a condurre una vita attiva e prevenire il decadimento.

Partner:

  • Consiglio Nazionale Delle Ricerche
  • Università di Pisa
  • MYSPHERA Valencia
  • Austrian Institute of Technology
  • Tech4i2
  • Extracare
  • Imaginary
  • DeMonfort University
  • Age Platform
  • SI4LIFE

I programmi prioritari di promozione della salute e prevenzione della malattia Secondo l’UCD (Institute of Food and Health), in funzione delle principali cause di morbilità e morte prematura, sono orientati a: Malnutrizione, Sedentarietà e Declino cognitivo. Queste condizioni affliggono le persone anziane e sviluppano in esse lo stato di malattia; le stesse tre dimensioni sono l’obiettivo del progetto DOREMI.

Scopo del progetto è quello di sviluppare una soluzione sistemica per gli anziani, in grado di prolungare le capacità cognitive e funzionali, rafforzando, stimolando e monitorando in modo non intrusivo le attività quotidiane secondo quanto definito nei protocolli di “Active Ageing”.

Il progetto si fonda sul concetto di prevenzione, centrato sul soggetto anziano, come interazione costruttiva tra mente, corpo e partecipazione sociale. Per perseguire questi scopi le misurazioni dell’assunzione di cibo e dei parametri metabolici, l’esercizio associato alla stimolazione dell’interazione sociale, e i programmi di training cognitivo saranno proposti a soggetti anziani coinvolti in uno studio pilota.

 Il progetto combina le aree di ricerca multidisciplinare dei serious games, social networking, Wireless Sensor Network, riconoscimento e contestualizzazione delle attività, analisi dei pattern comportamentali.

La registrazione ed il monitoraggio di queste informazioni nei protocolli di vita quotidiana rende possibile l’osservazione degli utilizzatori per lunghi periodi, offrendo segnali si allerta in presenza di malnutrizione, deterioramento fisico o cognitivo.

 La stretta collaborazione tra rappresentanti del sistema socio-assistenziale e partner con elevata competenza tecnologica, porteranno lo sviluppo ICT a generare un set di prototipi da validare nello studio pilota. L’efficacia e gli impatti del progetto, sui soggetti finali e nel sistema socio-assistenziale, verranno valutati in sessioni di studio contemporanee in Inghilterra e Italia

I soggetti, domiciliati per un lungo periodo in appartamenti allestiti per il monitoraggio, verranno osservati in condizioni naturali e in seguito alla stimolazione, per evidenziare l’impatto dei programmi intesi a prevenire il decadimento e far condurre all'anziano una vita attiva.